Paolo Venini

Nel 1921 Paolo Venini, avvocato milanese con una lontana tradizione familiare nella lavorazione del vetro, fonda assieme a Giacomo Cappellin, antiquario, la Venini.
Lavorò infatti sempre a fianco dei suoi designers e architetti, con il costante obiettivo di anticipare e orientare il gusto, controllando ogni modello uscito dalle sue fornaci.
Le sue sicure scelte estetiche, unite alla grande qualità dei prodotti, procurarono alla sua vetreria un notevole successo di critica e di pubblico. Egli stesso si dedicò al design fin dai primi anni trenta: del 1936 sono i vetri Diamante e, in collaborazione con Carlo Scarpa, le murrine romane.
Venini partecipò a tutte le Triennali di Milano, alle Biennali di Venezia e tenne esposizioni proprie in tutti i paesi d’Europa e degli Stati Uniti.