Circo di lune

Monica Guggisberg & Philip Baldwin

2003

Edizione limitata in 99 opere per colore

Sculture composte da elementi sferici trasparenti, molati, o con murrine e fasce, soffiati e lavorati a mano. Preziosa e particolare anche la finitura del ferro “acidato” e trattato a cera.
Le sculture Circo di Lune possono essere d’appoggio o a parete.

Colore: Zaffiro/verde/verdognolo/verde erba/acquamare

Misure: L 57cm H 45cm D 15cm

Tecnica di lavorazione: Battuti, Fasce, Murrine

Codice: 01711

Autore

Monica Guggisberg & Philip Baldwin

Monica Guggisberg e Philip Baldwin lavorano insieme già da molti anni (dal 1980). La loro fama è dovuta alla purezza delle forme e alla vivacità dei colori delle loro opere.
Le loro creazioni sono presenti in mostre di tutta Europa, America e Giappone e in numerosi musei.
Originariamente formatisi alla scuola scandinava del vetro, negli ultimi anni gli artisti hanno iniziato ad esplorare la ricchezza e la profondità della tradizione e delle tecniche vetraie italiane.
Iniziano la collaborazione con Venini nel 1996 e disegnano vasi e lampade.

Vedi tutti i prodotti di Monica Guggisberg & Philip Baldwin

Tecnica

Battuti

Verso la fine degli anni trenta ha inizio la realizzazione delle prime tecniche in cui è determinante l’apporto decorativo. Il vetro battuto è caratterizzato da una superficie molata in modo da realizzare innumerevoli piccoli segni irregolari adiacenti e paralleli.

Fasce

Su un corpo centrale generalmente trasparente sono colati a caldo dei fili colorati chiamati “fasce”. Poi sono amalgamati al corpo centrale e ricoperto da un sottile strato di cristallo, ottenendo così un disegno cromatico irregolare e di grande effetto.

Murrine

Tecnica decorativa tra le più antiche conosciuta già dai Romani e recuperata a Murano all’inizio dell’ottavo decennio del XIX secolo. Consiste nell’unione di canne di vetro di vario colore formati da un disegno prestabilito che sono poi riscaldate fino a formare una canna unica. Le canne è poi
tagliata ottenendo una serie di piccoli dischi. Poi disposti secondo un disegno prestabilito,
sono riscaldati. Lavorati e soffiati sino a ottenere la forma definitiva dell’oggetto.